Quali fiori regalare per chiedere scusa?

Ogni fiore ha il suo significato. Oggi vediamo quali fiori regalare per chiedere scusa.

Fiori per chiedere scusa

Vuoi chiedere scusa alla tua partner per aver commesso un’errore di cui poi ti sei pentito? Stai cercando un modo carino per rimediare e farti perdonare?

Che sia la tua partner, una tua amica, la tua mamma, non c’è nulla di meglio di un bel mazzo di fiori accompagnato da un bigliettino di scuse. Meglio far consegnare i fiori a domicilio così da dare all’altra persona il tempo di riflettere con calma.

I migliori fiori per chiedere perdono

  • GIGLI: Simboleggiano la voglia di voler ricominciare da capo con le migliori intenzioni, facendo ammenda dei propri errori.
  • VIOLETTE: Simboleggiano umiltà e semplicità, il fiore perfetto per far capire di voler chiedere scusa e riparare ai propri errori.
  • GIACINTI: Simboleggiano comprensione e benevolenza, il fiore giusto per cercare un riavvicinamento alla persona amata. In particolare i giacinti color porpora sono usati per inviare un messaggio preciso, che è “Ho sbagliato, ti prego perdonami!”
  • PEONIE: Simboleggiano timidezza e vergogna. Il fiore ideale per chiedere scusa senza aver bisogno di aggiungere tante parole.
  • ROSE: Le rose rosa sono ideali per chiedere scusa. Il numero che indica la richiesta di perdono è il 18. Quindi regalare 18 rose rosa è il gesto perfetto per chiedere perdono per un grosso errore commesso.
  • CALENDULE: Simboleggiano dolore, dispiacere e pentimento. Sono ideali per far capire all’altra persona che siete davvero dispiaciuti e pentiti per quello che avete fatto, e che siete pronti a ripartire senza più commettere gli stessi errori.
  • ANEMONI: Simboleggiano riconciliazione e la voglia di voler fare il primo passo per riconquistare la fiducia dell’altra persona.

Importante è anche inserire nel mazzo di fiori un bigliettino dove scriverete delle scuse sentite e sincere, spiegando che siete pentiti e non commetterete più gli stessi errori.

Approfondisci

Come gli italiani prenotano l’hotel

Quando prenotiamo un hotel per le nostre vacanze, come amiamo farlo? Ecco il ritratto degli italiani che usano soprattutto il web per le loro prenotazioni, valutando principalmente il prezzo e la posizione di una struttura ricettiva, ma anche il design e lo stile, approfittando delle newsletter che ci arrivano con belle promozioni e facendoci influenzare anche dai social. Anche per questo è in aumento la preferenza di particolari tipi di hotel, come l’albergo boutique a Roma, vedi Hotel teatro Pace, ma vediamo assieme tutti i dettagli.

Come si sceglie l’hotel

Secondo le ultime ricerche, per gli italiani sono soprattutto due i criteri che contano di più quando scelgono l’albergo: innanzitutto la sua posizione, che deve essere più prossima possibile alle attrazioni turistiche o a zona fiere o luogo di lavoro se si tratta di un viaggio business. Per quasi per il 40% degli italiani la posizione è la prima cosa che viene tenuta in considerazione per scegliere l’hotel, subito dopo c’è il prezzo, che viene ritenuto importante per il 36%. Conseguentemente, gli altri criteri sono i servizi proposti dalla struttura tra spa, piscina, palestra, e per pochissimi la domotica.

Come si prenota la struttura

Arriviamo ora al momento della prenotazione, che nella maggior parte dei casi viene finalizzata sui tradizionali e più famosi portali di viaggio. Meno italiani si rivolgono alla struttura in modo diretto, utilizzando il sito internet o telefonando. Pochissimi sono quelli che si rivolgono alle agenzie di viaggio, meno del 6%. Attenzione, però, perché un occhio si dà anche alle email promozionali che arrivano e che contengono quindi sconti diretti con cui prenotare la camera. Infine, conta anche il passaparola di parenti e amici che magari ci consigliano una struttura in cui si sono trovati particolarmente bene.

Cosa si ama e cosa si odia negli alberghi

Veniamo, infine, a cosa piace e cosa si detesta in un hotel. Gli extra senza costi aggiuntivi sono sempre molto piacevoli per tutti, pensiamo ad esempio alla colazione inclusa nel costo della camera o alla navetta per l’aeroporto o anche a eventuali card che danno accesso a promozioni in negozi e ristoranti. Nel caso di un soggiorno lungo, si ama molto anche la formula 7+1 o simili, quella cioè che regala una notte in più senza ulteriori spese. E cosa si detesta di più? Soprattutto trovare un ambiente completamente differente da quanto visto nelle foto sul web e la maleducazione del personale. Occhio, in questi casi, quindi alle recensioni negative che sono sempre molto utili.

Approfondisci

lavatrici a gettoni

Dry Tech, le migliori lavatrici a gettoni

Negli ultimi tempi, nel nostro Paese, si sta diffondendo un servizio nato negli Stati Uniti, ossia quello delle lavatrici a gettoni, particolarmente utili specialmente per coloro che non hanno a disposizione molto spazio nella propria abitazione, o per qualunque studente fuori sede, ad esempio. Per quanto possa apparire banale o scontato, questo è uno dei servizi di cui tener conto nel momento in cui c’è bisogno di lavare i propri capi d’abbigliamento in fretta, e senza doversi trovare nella difficoltà di dove collocare nella propria abitazione, specialmente se di piccole dimensioni, una lavatrice, un’asciugatrice e qualunque altro elettrodomestico che possa risultare utile. Proprio per questo la Dry Tech, un’azienda con sede a Magnago, in provincia di Milano, ha deciso di promuovere questo servizio mettendo a disposizione le proprie attrezzature e la propria disponibilità nel mettere in piedi questo genere di attività economica, che nel tempo sta acquisendo sempre più popolarità, sebbene non sia ancora conosciuto da tutti. Inoltre, per ogni possibile curiosità basterà cliccare sul seguente link, https://www.dry-tech.it/, per scoprire come aprire in brevissimo tempo una lavanderia a gettoni, in tutta sicurezza e celerità!


Che cosa sono le lavatrici a gettoni?

I sistemi di lavaggio a gettone prodotti e manutenuti dalla Dry Tech sono particolarmente efficienti, in virtù di una lunga serie di test antecedente la vendita, oltre ad un innovativo sistema di controllo della qualità, per incrementare il livello delle prestazioni degli elettrodomestici forniti. Infatti, la gamma di prodotti realizzati da quest’azienda lombarda sono progettati pensando ad un utilizzo intenso e costante nel tempo, oltre che al mantenimento di elevatissimi standard di qualità. Questa tipologia di macchina per il lavaggio, infatti, utilizza un sistema che consente il pieno sfruttamento delle proprie funzionalità pur consumando meno acqua, il che può essere utile per non rovinare i capi dei clienti che si affidano a questo servizio ed abbattere i costi legati al mantenimento di queste macchine. Inoltre, la loro costituzione elettromeccanica, particolarmente solida, consente di dover intervenire in maniera minima per quanto concerne la riparazione e la manutenzione delle stesse.


Quali sono le caratteristiche delle lavatrici a gettoni Dry Tech?

Tutte le componenti critiche di questi sistemi elettromeccanici, come detto poc’anzi, sono sottoposti ad una lunga serie di test, affinché queste possano garantire una lunga durata, dal punto di vista del ciclo di vita della macchina, e che la clientela possa essere sempre soddisfatta. Le caratteristiche principali di questi prodotti, inoltre, sono un design moderno, per poter adempiere al proprio compito in qualsiasi ambiente, ed una serie di impostazioni dei progettisti, che consentono di selezionare differenti programmi per il lavaggio dei propri capi, oltre a quello classico, in base alle esigenze specifiche del cliente. La Dry Tech, infatti, si sta ricavando uno spazio sempre maggiore sul territorio nazionale, grazie alla propria affidabilità e cortesia, in quanto sta investendo in un settore finora sottovalutato, mettendo a disposizione della clientela la possibilità di comprendere come sia possibile creare un’attività commerciale remunerativa dando vita ad una lavanderia a gettoni. Questo è possibile grazie a numerosi esperti del settore che, tenendo sempre presente il tuo budget e le tue idee, sapranno consigliarti al meglio, dalla scelta delle macchine a quella del personale, passando per la manutenzione.

Per ulteriori informazioni, dai un’occhiata al sito della Dry Tech, oppure mettiti in contatto con un loro consulente inviando una mail all’indirizzo info@drytech.it, dove un professionista sarà ben lieto di rispondere ad ogni tua domanda e darti un consiglio per aprire la tua nuova attività!

Approfondisci

linfedema gambe rimedi naturali

I migliori rimedi naturali al linfedema gambe

Nel caso di anomalie alla circolazione linfatica, liquidi ricchi di proteine si accumulano nello spazio tra le cellule. A causa di questa condizione si ha un aumento di volume alle gambe, spesso associato a dolore, difficoltà a muoversi, pelle a buccia d’arancia che risulta anche particolarmente dura, arrossamenti ed eczemi. Si tratta del linfedema. Il linfedema può essere trattato anche con rimedi naturali? Nel caso in cui il linfedema sia sorto a causa di una lesione oppure di un’ostruzione dei vasi linfatici, i rimedi naturali non possono portare ad una risoluzione del problema. In caso contrario, sono proprio invece i rimedi naturali quelli da prendere in considerazione.

Linfedema gambe rimedi naturali: quali sono i più interessanti?

Coloro che vogliono trattare il linfedema alle gambe con i rimedi naturali, devono prima di tutto migliorare e modificare la loro alimentazione. Latticini, zucchero e alimenti zuccherati, cereali raffinati sono assolutamente da evitare, questo perché si tratta di cibi che producono delle tossine, chiamate comunemente anche colle, che hanno effetti negativi sul sistema linfatico. Tendono infatti ad intasarlo, così che non sia più possibile riuscire a catturare i liquidi in eccesso e a riportali all’interno della circolazione venosa come invece dovrebbe accadere. Molto importante anche diminuire in modo drastico l’assunzione di sale. Ovviamente questo vale per il sale come condimento, ma anche per il sale di per sé già presente in alcuni alimenti, come nei salumi ad esempio oppure nei formaggi.

Per quanto riguarda tutti gli altri alimenti non ci sono controindicazioni da prendere in considerazione, ma è fondamentale ricordare che una eventuale intolleranza alimentare può causare linfedema e gonfiore alle gambe. Considerando che la maggior parte delle persone non sa di avere un’intolleranza alimentare, la prima cosa da fare sarebbe quindi sottoporsi ad un apposito test che possa metterle in evidenza.

Meliloto, linfa di betulla, bromelina per eliminare i liquidi in eccesso

Ci sono alcune sostanze vegetali che possono essere assunte da coloro che soffrono di linfedema al fine di migliorare la situazione. Tra queste sostanze, dobbiamo sicuramente ricordare il melitoto, sotto forma di estratto che può essere ingerito oppure utilizzato sulle zone interessate per effettuare un massaggio. In entrambi i casi, si ha la possibilità di ottenere una maggiore velocità di deflusso linfatico e di riuscire quindi a sgonfiare le gambe in modo eccellente. Funzionano in modo molto simile anche la linfa di betulla e la bromelia.

Fisioterapia, attività fisica e stile di vita sano

Tra i migliori rimedi naturali, e questo vale per ogni tipologia di linfedema di cui si soffra, anche per quelli in assoluto più gravi, c’è la fisioterapia. I fisioterapisti specializzati in queste condizioni fanno dei massaggi linfodrenanti a coloro che soffrono di linfedema, ma aiutano i loro pazienti anche a scoprire quali esercizi consentono di migliorare nettamente la situazione. Ovviamente non dovete credere che basti una sola visita dal fisioterapista per risolvere la situazione. Ci vuole tempo, pazienza e costanza infatti, almeno 6 settimane per vedere i primi risultati.

Oltre alla fisioterapia, è importante fare molta attività fisica e seguire uno stile di vita che sia quanto più sano possibile. Niente fumo quindi né alcol in eccesso, alimentazione sana e genuina, attività fisica ogni giorno e piccole buone abitudini quotidiane come andare a letto sempre alla stessa ora, anche nel fine settimana.

Approfondisci

come arredare un negozio di fiori

Come arredare un negozio di fiori: consigli utili

Per un negozio di fiori, scegliere l’arredamento giusto è molto importante. Questo perché un ottimo design aiuta a vendere meglio questa tipologia di prodotto. Di fatti, uno dei principali consigli di chi si occupa di arredamento è: cercate in tutti i modi di esporre al meglio possibile tutto quello che vendete. Solo in questo modo si riuscirà ad aumentare la propria cerchia di vendite ed il proprio commercio. Ovviamente, è estremamente importante anche definire uno stile: dal minimal, al vintage, passando per lo shabby chic magari con l’aiuto di chi si occupa di arredamenti shabby chic Milano.

Ebbene, assodato questo, come si arreda, quindi, un negozio di fiori? Scopritelo in questa guida.

1. Attenzione alla luminosità del negozio

Un negozio di fiori non può essere cupo e scuro, ma bensì luminoso. Che si tratti della luce del sole o di luminosità artificiale, è estremamente importante donare ad ogni pianta e fiore la giusta luce affinché venga resa visibile ogni loro bellezza. Ma come fare? Il nostro consiglio è quello di impiantare delle grosse vetrate, in modo che le piante si nutrano del sole più naturale. In alternativa, se ciò non è possibile, potete ripiegare con luci artificiali, sicuramente più comode ma un po’ più costose.

2. Usate tanti scaffali

Gli scaffali aiutano a tenere il negozio in ordine e a rendere più visibile ciò che vendete. Usatene il più possibile, in modo da organizzare ogni pianta per tipologia, dimensione e specie in modo ordinato. In alternativa, potete sostituire gli scaffali con delle comode mensole, un po’ più piccole per dimensioni ma ugualmente efficaci in termini di funzionalità. Ovviamente, cercate di definire un filo conduttore e di non posizionare le piante a caso: potrebbe divenire difficile per ogni cliente ma anche per voi, cercare quella giusta al momento del bisogno.

3. Mettete da parte uno stanzino dove mettere l’occorrente per le piante


Le piante hanno bisogno di essere curate periodicamente ed alcune quotidianamente. Necessitano di acqua, spesso di concime e di tutti quegli attrezzi utili per prendersene cura. Nel vostro negozio di fiori, mettete da parte un angolo o uno stanzino dove posizionare tutti gli strumenti che vi servono per la manutenzione delle piante. Ovviamente, evitate che l’angolo sia visibile al cliente in quanto potrebbe apparire davvero poco elegante. Insomma, uno stanzino nascosto ma davvero efficace per voi e per quello che vendete.

Approfondisci

come condire insalata senza olio

Come condire l’insalata senza l’uso dell’olio?

Non avete olio extravergine pugliese in casa ma avete urgenza di condire la vostra insalata per cena? L’olio, seppur un alimento importante, non è strettamente necessario se desiderate trovarvi davanti un’insalata di indubbio gusto. Di fatti, ci sono diversi palliativi che è possibile utilizzare al posto di un alimento nonostante tutto così importante.

Ma di quali stiamo parlando? Scopriteli leggendo questa guida.

1. Aceto balsamico

L’aceto balsamico ha un gusto intenso e davvero particolare che non riuscirà a farvi rimpiangere la mancanza dell’olio. basterà usarne giusto un cucchiaio per insalate più saporite e gustose. In alternativa, potete usare anche la salsa di aceto balsamico, un po’ più densa e ancor più deliziosa.

2. Polpa di avocado

La polpa di avocado, nonostante l’apparenza differente, è molto simile per contenuto di grassi all’olio. Di fatti è composta da grassi sani che alla fine servono al nostro organismo. Per usare questa alternativa, prendete un avocado, tagliatelo in due e con un cucchiaio ricavate la polpa. Mescolatela con un po’ di succo di limone: vi ritroverete una salsa da aggiungere all’insalata molto gustosa e soprattutto appetitosa.

3. Usate l’olio usato per le conserve

Disponete di conserve di carciofi, di capperi, di olive e così via? Allora provate ad usare un po’ di quell’olio per condire ancor di più la vostra insalata. Ne basta giusto un cucchiaio molto piccolo per dare un nuovo tono al vostro alimento. Tra le altre cose, vi ritroverete un olio già condito e aromatizzato alla verdura a vostra scelta. Non male, no?

4. Salsa di senape


Anche la salsa di senape è un ottimo modo per condire la vostra insalata. Basta prendere un po’ di senape, aggiungere un altro po’ di sale, e una macinata di pepe della quantità che più preferite. Mescolate il tutto, versate in un piccolo vasetto e servite insieme alla vostra insalata.

Approfondisci