agenzia ufficio stampa milano

Agenzia ufficio stampa Milano: comunicare efficacemente con la stampa

Marketing e cronaca giornalistica: agenzia ufficio stampa Milano

Intrattenere i rapporti con la stampa, come può accadere all’interno di un’agenzia ufficio stampa Milano, è fondamentale per far sì un’azienda o una personalità possano far conoscere dettagli di un’attività, un evento o una qualsiasi altra circostanza in grado di assumere rilevanza dal punto di vista della cronaca.

In un mondo in cui la comunicazione, a livello commerciale, detiene un’importanza sempre maggiore, le aziende sentono la necessità di affidarsi a uffici stampa in grado di “rendere notiziabile” un dato brand.

La differenza tra una campagna marketing poco efficace e una particolarmente fruttuosa è data proprio dalla capacità dell’azienda, e dell’ufficio stampa in primis, di far sì che il marchio o l’attività aziendale possano essere messi in risalto a livello giornalistico.

Si tratta di un’operazione comune, ma i cui risultati dipenderanno effettivamente dall’efficacia nell’intrattenere i rapporti con la stampa.

Ma, in linea generale, quali sono i motivi per cui scegliere di affidarsi a un ufficio stampa?

Perché affidarsi a un’agenzia ufficio stampa Milano

Affidarsi a un’agenzia ufficio stampa Milano significa avere la certezza di poter comunicare efficacemente con i mezzi stampa.

Ciò comporta una serie di effetti a catena.

In primo luogo, la comunicazione con la stampa porterà a una migliore diffusione di una notizia, di un evento o di una qualsiasi altra circostanza legata a un’azienda, a un brand e ai suoi sviluppi futuri.

In secondo luogo, si migliorerà notevolmente la propria strategia di marketing. All’interno di un ufficio stampa risiedono professionisti in grado di operare secondo le finalità dell’azienda interessata, raggiungendo gli obiettivi che il cliente intende perseguire. E non solo.

L’ufficio stampa si occuperà sia dei media tradizionali che di quelli contemporanei, quali blog e social media. Una prassi di questo tipo permetterà di raggiungere più efficacemente un più ampio bacino di utenza, in modo tale da accrescere il numero effettivo dei propri clienti.

Inoltre, assume particolare rilevanza la gestione stessa dei social network. Un ufficio stampa, composto da professionisti della comunicazione, deve poter offrire anche un servizio di gestione social, alla stregua di quanto offerto dalle prestazioni di un social media manager.

Saper comunicare online significa poter intrattenere le nuove generazioni, da sempre più attive rispetto alle fasce più anziane della popolazione; ma significa anche entrare in contatto con un target più adulto, avente un effettivo potere di acquisto e, pertanto, disposto ad acquistare un servizio e ad entrare in contatto con l’azienda.

L’importanza dell’operato di un’agenzia ufficio stampa Milano

L’operato di un’agenzia ufficio stampa Milano è fondamentale per diversi aspetti. Tra questi, il più rilevante è dato senza dubbio dalla capacità di inserirsi in un settore, quello dell’informazione, oggi particolarmente saturo.

L’informazione contemporanea è densa, anche e soprattutto a causa della proliferazione dei media online.

Ciò ha comportato – e comporta tutt’oggi – un incremento senza controllo della quantità di informazioni circolanti sul web.

Alla luce di un contesto simile, l’ufficio stampa ha il compito, tutt’altro che semplice, di rendere efficacemente notiziabile un prodotto, un’operazione che, per forza di cose, andrà condotta da professionisti del settore.

Il tutto avrà effetti diretti sul consolidamento della reputazione del brand, migliorandone la fama e aumentandone la visibilità sul mercato.

Ecco spiegati, dunque, i motivi per cui affidarsi a un ufficio stampa di qualità.

Approfondisci

Come creare un elenco di media che ottenga pubblicità

Un buon elenco dei media ti aiuta a portare le notizie della tua azienda all’attenzione dei giornalisti e ad ottenere pubblicità. Dopotutto, se stai inviando un comunicato stampa o una presentazione di PR, vuoi rivolgerti al pubblico giusto. Ecco alcuni consigli da parte di un importante ufficio stampa a Milano su come creare una media list composta da gente utile.

Cos’è una media list?

Una media list è costituito da contatti con i media provenienti da organi di informazione, riviste e pubblicazioni online, e in particolare da quelli che attirano i tuoi potenziali clienti. Contiene nomi, indirizzi e-mail e altre informazioni. Alcuni lo chiamano un elenco di stampa o un elenco di contatti multimediali.

Perché hai bisogno di una lista? Supponiamo che tu stia pubblicando un annuncio di un nuovo prodotto, un’inaugurazione o altre notizie. Con un elenco sai dove inviare le tue notizie. La maggior parte delle persone svolge attività di sensibilizzazione individuale utilizzando il proprio elenco e invia anche comunicati in rete utilizzando i siti di distribuzione dei comunicati stampa.

Acquista o crea il tuo elenco multimediale?

I professionisti delle pubbliche relazioni potrebbero aver bisogno di elenchi lunghi con centinaia o migliaia di nomi e indirizzi e-mail. È possibile acquistare elenchi di contenuti multimediali, qualcosa che le aziende di grandi dimensioni potrebbero voler prendere in considerazione, utilizzando uno degli strumenti di PR di seguito.

Tuttavia, per le piccole imprese locali, gli elenchi dei media sono spesso brevi, a volte solo una dozzina di contatti. Per un piccolo elenco è meglio crearne uno tuo in modo da poterlo targetizzare meglio. La qualità è più importante della quantità.

5 passaggi per creare un elenco multimediale

Ecco cinque semplici passaggi per creare un elenco multimediale. Inizia identificando il mercato che speri di raggiungere con le tue notizie. Quindi identificare i contatti con i media. Quindi, imposta un foglio di lavoro. Quindi raccogli tutti i dettagli di contatto e altre informazioni. Aggiungi note e aggiorna il tuo elenco di volta in volta. Andiamo nei dettagli:

1. Definisci il tuo pubblico di destinazione

Il primo passo per creare un elenco di contatti multimediali è definire il tipo di persone che desideri raggiungere con le notizie della tua azienda. Questi includeranno potenziali acquirenti dei tuoi prodotti o servizi o coloro che influenzano le decisioni di acquisto.

Ad esempio, supponi di gestire un ristorante di famiglia locale e di avere un nuovo fantastico menu da pubblicizzare. Il tuo pubblico di destinazione potrebbe essere residenti in un raggio di 80 km a cui piace cenare fuori e avere un reddito disponibile.

Ad esempio numero due, supponiamo che la tua azienda venda software finanziario. Il tuo cliente ideale è un manager finanziario o qualcuno in una società di revisione. Il tuo mercato di riferimento sarà di portata nazionale, composto da uomini d’affari che necessitano di software finanziario.

Suggerimento per professionisti: se in precedenza hai impostato acquirenti personali che descrivono la posizione, il profilo demografico, gli interessi e i tipi di media che consumano, questi personaggi saranno utili qui.

2. Identificare giornalisti e media

Il passaggio 2 è dove identifichi i media che probabilmente raggiungeranno i tuoi obiettivi. È inoltre necessario identificare i membri dei media (giornalisti, editori) da aggiungere.

  • Identifica il media outlet. Mettiti nei panni del tuo acquirente e trova pubblicazioni e organi di stampa che il tuo acquirente target frequenta in genere. I punti vendita coprono contenuti simili alle tue notizie? Hanno dato copertura ai concorrenti? Quanto è grande il loro numero di lettori? Scegli scelte pertinenti in modo da non perdere tempo.
  • Trova la persona giusta nel media. Cerca un giornalista che copra il tuo ritmo. Che tipo di contenuto coprono? Scrivono storie che attirerebbero l’attenzione del tuo target?

3. Decidi un formato elenco

Per questo passaggio, il modo più semplice per impostare un elenco di contatti è creare un foglio di calcolo o un documento Word con colonne. Includere il nome di ogni contatto e come raggiungerli.

Assicurati di includere più di nomi e informazioni di contatto. Di quanti dettagli hai bisogno dipende dal tuo ruolo. I professionisti delle PR che rappresentano molti clienti vorranno maggiori dettagli, coprendo informazioni come l’industria e la posizione. Ma il responsabile marketing di una piccola azienda potrebbe, ad esempio, non dover specificare la posizione perché tutti i suoi contatti con i media sarebbero locali.

Aggiungi note sui tipi di comunicati stampa o presentazioni multimediali che potrebbero avere maggior successo con ogni giornalista.

4. Inizia ad aggiungere le informazioni di contatto

Il passaggio successivo consiste nel trovare e inserire le informazioni per i contatti multimediali. Cerca i sottotitoli per identificare gli scrittori mentre leggi le pubblicazioni del tuo settore. Quando vedi il nome di uno scrittore sugli articoli che ti piacciono, aggiungilo. Potresti trovarne alcuni su Twitter, che attrae molti media. Alcuni rappresentanti dei media potrebbero contattarti per entrare nella tua lista.

Tienilo mirato. Ricorda, un elenco di alta qualità di una manciata di persone giuste è migliore per le pubbliche relazioni rispetto a migliaia di contatti con i media che non possono metterti di fronte al tuo pubblico di destinazione.

Invierai un’email ai tuoi contatti individualmente, quindi tutto dovrebbe valere il tuo tempo, non solo riempire le righe su un foglio di calcolo. Dopo alcuni giorni, esegui un secondo passaggio e rimuovi eventuali contatti multimediali se non ritieni che possano aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi.

5. Aggiorna regolarmente l’elenco dei tuoi media

Il passaggio finale è aggiornare regolarmente l’elenco in modo che sia pronto la prossima volta che ne avrai bisogno. Pensa al tuo elenco multimediale come a un lavoro in corso. Aggiungi nuovi contatti multimediali, ovviamente. Pulisci periodicamente la tua lista. Rimuovi i contatti dei media obsoleti, ad esempio quando i giornalisti o gli editori si spostano

Nota quando hai avuto una grande esperienza da una storia. Questo ti aiuta a concentrarti sui contatti dell’elenco dei media che sono più ricettivi alle tue presentazioni.

Approfondisci