Le 3 regole per un sito web di successo!

Chi di voi ha sempre desiderato stare comodamente seduti a casa e guardare il proprio portafogli che si gonfia ogni singolo giorno? Crediamo sia un idea un po di tutti voi ! Ebbene si oggi tutto questo potrebbe essere possibile semplicemente con la realizzazione di un sito web.

Un sito web per poter funzionare ha bisogno di tre cose fondamentali:

  • Essere user friendly: Ovvero adatto alla lettura dei più svariati dispositivi oggi in circolazione come smartphone, e tablet. Spesso capita che questa regola sia tralasciata, ma purtroppo oggi circa il 67% delle persone effettuano delle ricerche proprio da questi dispositivi, e sarebbe un vero peccato perdere nuovi clienti per una negligenza simile.
  • Essere di facile navigazione: Pensiamo ad esempio di avere un sito web bellissimo graficamente, con varie transazioni grafiche. Sarebbe bellissimo! Ma abbiamo mai pensato che magari qualche cliente “magari più inesperto” potrebbe perdersi ed abbandonare il nostro sito? Ecco un altro motivo per perdere un cliente pagante.
  • Essere posizionato strategicamente sul web: Un buon posizionamento vuol dire avere clienti che pagano! Intercettare poi i bisogni degli utenti farà la differenza, sia in termini di conversioni, che in termini di ROI (RETURN OF INVESTMENT) per chiunque realizzerà per noi il nostro sito web.

Moltissime web agency italiane, si limitano a tralasciare questi aspetti fondamentali per la crescita economica del nostro nuovo cliente, facendo spendere risorse inutili senza ottenere i risultati sperati.

Il nostro consiglio è quello di affidarvi a professionisti del settore che vi permettano con giusti investimenti di ottenere i risultati desiderati.

Approfondisci

approcci di marketing

Meglio investire in web marketing o in marketing cartaceo?

Ha ancora senso oggi investire in stampa online, grafici e sviluppatori su carta? O è meglio decidersi a tagliare definitivamente col passato per abbracciare una volta per tutte le potenzialità del marketing online?

Una domanda, questa, che non può ricevere una risposta univoca. Ogni azienda ha le sue logiche, ogni mercato le sue dinamiche, ogni tipologia di pubblico le sue esigenze. E in relazione a tutto ciò che va definita la propria, personale strategia di comunicazione aziendale. Abbiamo solo una certezza: non esiste alcuna formula del successo ma solo soluzioni parziali e tarate appositamente per il proprio business.

Marketing: online Vs. cartaceo

La premessa è già sbagliata: perché ci ostiniamo a vedere web marketing e comunicazione fisica come due universi separati e incomunicanti? Ogni strumento di comunicazione è una risorsa; una risorsa da considerare come parte di una strategia più ampia e, soprattutto, unica. Disponiamo di molteplici strumenti, ognuno dei quali, però, non va a strutturare un piano di marketing bensì si inserisce in un sistema più ampio e integrato.

Volete un esempio? Eccolo! Avete investito per la realizzazione di un 6×3 in occasione di un evento aziendale. In fondo al cartellone sono riportati l’indirizzo al sito web aziendale, alla pagina Facebook e un Qr Code che rimanda alla pagina dell’evento. Qui, in un’unica ‘confezione’ disponiamo di tre differenti strumenti, provenienti da tre logiche dissimili, ovvero la cartellonistica, il web e l’organizzazione eventi. Marketing mix: il web e il cartaceo non sono rivali ma alleati dalla cui cooperazione può nascere una vera, compatta ed efficacissima strategia di comunicazione.

E poi dipende molto dall’azienda che gestite, dai prodotti/servizi che proponete, dal vostro target di riferimento. Per un e-commerce, in effetti, può avere poco senso investire fior di quattrini in flyer da distribuire per le strade ma lo stesso non può dirsi per un ristorante che ha appena aperto o, in generale, per un’attività che opera direttamente sul territorio e che si rivolge a un pubblico evidentemente circoscritto territorialmente. Insomma, non esiste La soluzione né LA risposta ma solo il piano operativo più appropriato per quelli che sono gli obiettivi della società.

Approfondisci

video marketing

Perché il video marketing è una risorsa vincente

Il video marketing ha visto crescere la propria rilevanza in modo esponenziale negli ultimi anni. Assieme ad esso è cresciuta la rilevanza delle agenzie di produzione video Milano, Roma, Torino e delle principali città italiane, che hanno visto i propri business aumentare vertiginosamente da almeno tre anni a questa parte. Ma perché le imprese hanno scelto di credere nella forza dei video? E perché dovresti farlo anche tu?

Chiarezza e ricordanza

In confronto ad altre tipologie di contenuto, e quelli testuali in particolare, i video riescono a veicolare un numero di informazioni e di messaggi nettamente superiore, in modo più chiaro e comprensibile e attivando un ricordo molto più duraturo. Una soluzione perfetta per promuovere prodotti e servizi.

Effetto viralità

I video sono anche i contenuti più virali del web. Essi si diffondono con incredibile rapidità tramite i canali dei social network e le piattaforme di instant messaging e sono un’eccellente attrattive da inviare per strategie di e-mail marketing.

Empatia con il pubblico

Il video utilizza un approccio narrativo particolarmente coinvolgente e favorisce una maggiore empatia tra il marchio che promuove il contenuto e i suoi spettatori. Attraverso il video, un’azienda può mettere in evidenza i propri punti di forza e le peculiarità che la contraddistinguono, evitando però le autocelebrazioni e sfruttando le dinamiche dell’intrattenimento per farsi conoscere e apprezzare nel modo più leggero e naturale.

Vantaggi SEO

Una pagina web che ospita al proprio interno un contenuto video ha molte più possibilità di conquistare le prime posizioni dei motori di ricerca. I video piacciono ai robot di Google, che ne favoriscono l’ascesa nelle pagine di ricerca e, oltretutto, abbattono il tasso di abbandono all’interno del sito da parte degli utenti, oltre ad allungare i tempi di permanenza.

Immagine di forza e innovazione

Un’azienda che promuove se stessa attraverso campagne di video marketing dimostra innovazione, creatività e freschezza. Al pubblico piace l’originalità e sa apprezzare la qualità delle anime più fantasiose. Elementi che possono essere alla base di un rapporto fidelizzato tra marchio e cliente.

Approfondisci

web marketing per aziende

SEO, SEA e Social Media Marketing: il web per aziende

Investire in web marketing significa tutto e niente. Ma più che altro niente. Non basta sostenere di credere nella forza del web né è sufficiente decidere di staccare un assegno a un’agenzia di pubbliche relazioni o a una web agency per iniziare a macinare contatti, clienti e soldi tramite il web. Il marketing online si frammenta in diversi possibili canali d’azione, tutti con i propri punti di forza specifici. Scegliere su quale branca del web marketing investire non è affatto facile. Quali sono le alternative?

SEA

SEA è l’acronimo di Search Engine Advertising e si riferisce alle strategie di web marketing che vertono sulla realizzazione di campagne Pay per Click. Le PPC possono interessare i motori di ricerca come Google, i social network come Facebook o i siti internet, i quali permettono l’inserimento di banner pubblicitari con link che rimandano al sito web o su specifiche pagine definite landing page.

Il funzionamento di base delle campagne PPC è piuttosto semplice: bisogna stabilire un budget giornaliero e scegliere un set di parole chiave; a quel punto, saranno gli annunci a pagamento a veicolare traffico verso l’indirizzo web stabilito, ogni click ha un costo specifico e la campagne resta online fino all’esaurimento del budget prefissato.

SEO

La SEO, acronimo di Search Engine Optimization, segue una logica differente dalla SEA. Il posizionamento sui motori di ricerca è orientato all’acquisizione di traffico organico e gratuito, ottenuto tramite le ricerche degli utenti sui motori di ricerca. In particolare, compito di una strategia SEO è quello di posizionare le pagine di un sito web più in alto possibile negli elenchi di ricerca per specifiche parole chiave, in modo da favorire un aumento delle visite.

Social Media Marketing

Come facilmente intuibile, il Social Media Marketing punta all’ottimizzazione delle strategie di branding sui social media. Facebook, Twitter, LinkedIn, YouTube e tantissimi altri, oltre ad essere piattaforme ludiche d’intrattenimento, sono anche potentissimi strumenti di web marketing che puntano all’acquisizione di visibilità tramite specifiche strategie di content editing sui social network.

Approfondisci

lead generation

Che cos’è e come funziona la lead generation

La lead generation è un approccio di marketing che si pone l’obiettivo di acquisire liste di contatti targettizzati e potenzialmente interessati ai servizi e prodotti dell’azienda. Un piano di lead generation si serve delle infrastrutture e i servizi di digital marketing per strutturare un percorso di conversione che inizia con l’intercettazione degli utenti e si conclude con la conversione finale (l’acquisto ma anche la richiesta di preventivo, la prenotazione…)

Prima fase: Top Of The Funnel (TOFU)

La prima fase della strategia verte sull’acquisizione di traffico generico ed è definita Top of the funnel (TOFU). Qui si tratta di incanalare un flusso di visitatori il più alto possibile verso il proprio sistema di lead generation; obiettivi perseguibile secondo una pluralità di strumenti e attività quali la SEO, campagne pay per click, social media, email marketing. I lead sono generalmente utenti potenzialmente interessati, solo una parte di essi proseguirà il percorso di conversione e, per tale ragione, non è usato alcun tipo di filtro volto a targettizzare le visite (la selezione si effettua in maniera automatica attraverso i comportamenti degli utenti).

Seconda fase: Middle Of The Funnel (MOFU)

La fase successiva. definita Middle of the funnel (MOFU), è quella di conversione delle lead in prospect, ovvero i contatti che, nella fase d’ingresso, sono solo potenziali acquirenti, vengono attratti dalla promessa di qualcosa, in cambio della quale viene ottenuto il contatto. Ad esempio, agli utenti indirizzati verso il sito viene offerta la possibilità di scaricare un e-book gratuitamente o di ottenere un buono sconto in cambio dell’iscrizione alla newsletter aziendale. In tal modo, secondo un sistema usato da ogni agenzia web marketing Lecce o Milano, sia il visitatore sia il sito web avranno ottenuto ciò che desideravano.

Terza fase: Bottom Of The Funnel (BOFU)

La terza e ultima fase è definita Bottom of the funnel (BOFU) ed è quella della finalizzazione del percorso di conversione, ovvero quello in cui viene conclusa la vendita. L’utente è stato attirato e fidelizzato attraverso le prime due fasi, ora sarà molto più ricettivo e più disposto a considerare la possibilità di effettuare un acquisto. Un approccio sempre più utilizzato è quello che si basa sulla personalizzazione delle offerte, processo eseguibile grazie ad attività di remarketing e analizzando i desideri dell’utente. Contenuti BOFU sono ad esempio i coupon, risorse dirette che permettono di concludere il processo di acquisizione in modo diretto.

Approfondisci

Google My Business

Come sfruttare Google My Business per la SEO

Google My Business è un servizio multipiattaforma introdotto da Google a partire dal 2014 in sostituzione di Google Places. Si tratta di un canale riservato ad enti professionali quali aziende, lavoratori autonomi, enti e associazioni e che integra in un unico sistema i servizi di G+ e quelli di Google Maps. Google My Business è un servizio molto noto da chi opera nel settore web marketing e ogni agenzia SEO Milano, Roma e anche al di fuori dei confini nazionali, quando ha a che fare con SERP geolocalizzate, implementa al meglio la sezione apposita perché consapevole dei significativi benefici che tale funzione è in grado di apportare. Ma quali sarebbero questi benefici?

Google My Business e SEO

Come detto, i servizi di Google My Business sono una risorsa eccellente per ciò che riguarda le ricerche geolocalizzate. Quando eseguiamo una ricerca orientata alla ricerca di attività in specifiche realtà territoriale (ad esempio “hotel a Firenze” o “trattoria Napoli”), la SERP di Google presenta una mappa corredata da tre risultati geolocalizzati, i primi visualizzati dall’utente. Posizionare il proprio sito nella sezione significa aumentare significativamente le possibilità di raggiungere gli utenti. Non solo, My Business offre una serie di informazioni utili e complete che rendono la navigazione più agevole, offrendo al pubblico una panoramica completa e corredata di informazioni sull’attività, orari di apertura e di chiusura, contatti, recensioni, indicazioni stradali, in modo immediato.

I vantaggi

Google My Business raddoppia le possibilità di posizionarsi tra le prime posizioni della SERP. Un profilo completo e dettagliato rende ogni informazione facilmente accessibile e agevola il processo di valutazione dell’utente. Si tratta di uno strumento diretto, organico ed efficace sia sotto l’aspetto del posizionamento e sia dal punto di vista del branding, potenziando l’immagine aziendale e dando maggior spazio a prodotti e servizi, diretti a target già selezionati geograficamente e, dunque, più facilmente raggiungibili.

Approfondisci