storia del Salento

La rinascita del Salento degli anni 2000: inizio del boom

A metà degli anni ‘90, il Salento era una terra povera, sconosciuta ai più e frequentata da un turismo di prossimità: visitatori occasionali provenienti dal nord della Puglia o dalle vicine regioni a ovest di Taranto. case vacanze Torre Vado, sfavillanti b&b sulla costa, hotel a ridosso della costa di Porto Cesareo non erano neppure in previsione: il turismo del Tacco stentava a decollare e l’offerta turistica risultava debole per appeal e infrastrutture.

L’inizio della rinascita

A partire dalla fine degli anni ‘90, con la crescita dei fenomeni globalitari che puntavano a omologare i mercati e a rompere idealmente i confini locali, venne avviato un contromovimento mondiale di riscoperta delle tradizioni locali. In Salento, la riscoperta delle eccellenze locali si concentrò su più aspetti: folclore, musica, tradizioni alimentari, rivalutazione delle eccellenze artistiche.

In quegli anni diede dato avvio a quel fenomeno che, qualche anno più tardi, sarebbe stato ribattezzato renaissance della cultura salentina.

Dalle accademie alle amministrazioni

Le basi della rinascita furono gettate degli studiosi delle accademie universitari, per un movimento che, nella sua fase iniziale, si diede un carattere elitario e più orientato alla cultura in sé che non alla creazione di un movimento dai risvolti socio-economici e turistici.

Con il tempo, la masserie furono recuperate e trasformate in strutture ricettive, le spiagge vennero riqualificate, la pizzica salentina si liberò dalle briglie del settarismo accademico per abbracciare le piazze, non più come celebrazione di un passato andato agli archivi bensì come elemento di rottura e di novità, capace di dialogare con gli artisti più moderni e di creare nuovi linguaggi.

Le amministrazioni locali compresero ben presto le nuove potenzialità di uno scenario che andava modificandosi in modo graduale ma, allo stesso tempo, repentino. Il Salento si strutturò intorno a un brand forte e riconoscibile, che puntava forte sulle suggestioni uniche delle sue coste, su una tradizioni storico-artistica esaltante (Lecce è una delle capitali italiane del Salento) e sulle particolarità locali quali il dialetto e la cucina. Ben presto il marchio Salento divenne riconoscibile e, anche al di fuori della Puglia, la gente iniziò a imparare ad apprendere le specificità che rendevano il Salento una terra a sé stante, distante dalle tradizioni e dagli usi del resto della Puglia.

Gli investimenti da fuori, il dinamismo di importanti testimonial locali, il perfezionamento dell’offerta turistica furono fattori fondamentali per sancire la definitiva uscita del Salento dall’anonimato e a consacrarlo come un’eccellenza del turismo italiano.

Approfondisci

Prenota la tua vacanza presso il Residence Santa Maria di Leuca

Ti piacerebbe trascorrere nel Salento una vacanza indimenticabile con la tua famiglia? Se la tua risposta è affermativa ma non sai in quale residence soggiornare, niente paura, perché te lo diciamo noi dove trascorrere una bellissima vacanza all’insegna del relax e della tranquillità: presso il residence Santa Maria di Leuca potrai volgere la tua vacanza al meglio.

Il residence Santa Maria di Leuca è lieto di offrire a tutti gli ospiti momenti unici ed indimenticabili. Grazie alle sue 20 unità abitative dotate di ogni comfort possibile, potrai trascorrere una settimana davvero entusiasmante. La struttura è ubicata in un luogo strategico ma anche comodo per il turista che vuole visitare più posti in un’unica vacanza.

Il residence si affaccia su una parte di costa alta e selvaggia con lunghe scogliere che cadono a picco sul mare. Se sei un appassionato di snorkeling o immersione questo luogo offre uno spettacolo unico.

Le spiagge di Santa Maria di Leuca sono tra le più conosciute d’Europa. Si tratta di spiagge adatte ad ogni tipologia di bagnante, famiglie con bambini comprese. Il residence Scialabà si trova a pochi passi dal mare, infatti è possibile andare anche a piedi, bastano pochi minuti per approdare alla prima spiaggia.

Sia i bilocali che gli appartamenti dispongono di uno spazio complessivo di 50 mq suddivisi in questo modo:

  • 1 o 2 camere da letto a seconda della scelta della struttura
  • 1 cucinino composto di cucina, tavolo e sedie, bicchieri, posate, frigorifero e tutte le altre cose che possono servire
  • 1 bagno con doccia e asciugacapelli
  • 1 veranda o balcone

Inoltre è possibile collegarsi a Internet tramite la modalità Wi-fi della struttura, le finestre sono dotate di zanzariere, si dispone di biancheria sia da bagno che da letto con cambio settimanale, un servizio lavanderia a gettoni e posto d’auto.

E allora prenota in anticipo la tua vacanza, ma scegli il giusto residence!

Approfondisci

Da Porto Cesareo a Gallipoli: le meraviglie dello Ionio

Il versante ionico della costa salentina, da Torre Lapillo al Capo di Leuca, è un trionfo di meraviglie naturali.

Una vacanza in Salento racchiude fascinazioni infinite e luoghi da esplorare che i susseguono sul profilo costiero. Prenotata un elegante casa vacanza e progettato il viaggio per raggiungere il Tacco d’Italia, non resta che delineare un itinerario, in modo da giungere preparati e da non perdersi nulla di ciò che è degno di essere scoperto. Se avete optato per un viaggio all’insegna della costa ionica, ecco le località più significative da non lasciarsi scappare!

Porto Cesareo

Elegante e organizzata, Porto Cesareo è una località balneare molto apprezzata. Lidi efficienti, acque caraibiche e spiagge bianche sono i cardini di una meta presa d’assalto da giovani e famiglie. La vita notturna non è particolarmente attiva, ma la permanenza diurna è eccellente.

Porto Selvaggio

Un angolo di paradiso naturale si staglia sulla costa, a metà tra Porto Cesareo e Gallipoli. Si tratta del Porto Naturale Regionale di Porto Selvaggio, inserito dal FAI nell’elenco dei “100 luoghi da salvare”. Rocce inviolate e un golfo naturale di acque trasparenti illuminano il sito, affascinante, seducente e magico!

Gallipoli

La città più nota dell’intera costa salentina, Gallipoli dista circa 40 km da Lecce 30 da Porto Cesareo. Si tratta del punto di riferimento principale della movida leccese, dominata da discoteche, concerti e eventi di ogni tipo. Sarebbe ingeneroso però identificare Gallipoli solo con la vita notturna: essa, infatti, è una località ricca di storia, cultura e arte, e le sue spiagge sono capolavori naturali da vivere di giorno e di sera.

Fino a Santa Maria di Leuca

Scendendo di altri 30 km verso sud si giunge fino a Santa Maria di Leuca, vertice inferiore del Salento e punto di incontro delle correnti ionica e adriatica. Per giungervi, occorre lasciarsi alle spalle luoghi come Torre del Pizzo, Torre Suda, Marina di Mancaversa, Marina di Salve e Torre Mozza, paesaggi stupendi di spiagge bianche o spumose scogliere incise nel tempo. A Santa Maria di Leuca è possibile scoprire profili naturali incantati e siti artistici di alto spessore. Le numerose grotte naturali (Grotta del Diavolo, Grotte di Ponente, Grotte di Levante) sono il simbolo più riconoscibile del posto, senza trascurare l’arte architettonica ottocentesca che impreziosisce la località.

Approfondisci

La struttura per il tuo matrimonio

Parliamo di un matrimonio al sud, suggestivo, pieno di ospiti da accogliere il migliore dei modi, da stupire con effetti speciali senza ricorrere a ostentazioni eccessive.
Parliamo di una coppia che decide, dopo varie consultazioni e ricerche in rete, di visitare una struttura vista sul web, per verificare che sia bella come decanta il sito.

E quindi?
Siamo a Villa Ciardo, una location incantata, a dir poco. Il sito ha illustrato perfettamente ai nostri sposi un luogo fatto di dettagli, cura, arredi che si sposano con la tradizione senza eccedere. Le sale ricevimenti interne, impreziosite da archi e fregi, si dispiegano in modo ordinato e arioso sino ad arrivare al giardino, ampio e spazioso, incorniciato da un agrumeto poetico.

Nessun eccesso per il giorno più importante della vita, bensì una delicata struttura antica, che trova spazio in un imponente palazzo signorile dell’ottocento, pensato per soddisfare le esigenze più disparate dei clienti. Tante le ville per matrimoni a Lecce, ma Villa Ciardo ha la capacità di avvolgere i suoi clienti con un abbraccio caldo e familiare, offrendo certezze e una solida esperienza nel campo dei ricevimenti.
Alessano, poi, città che la ospita, dista soli cinquanta chilometri dalla città del Barocco e dal Capo di Leuca, ideale per consentire agli ospiti che provengono da fuori regione di visitare questo meraviglioso pezzo di sud, ricco di tradizioni e piacevoli e inedite bellezze.

 

Approfondisci