Franchising assistenza anziani: cos’è e come funziona?

Il nostro Paese, purtroppo, invecchia sempre più velocemente. Questo dato è piuttosto significativo se consideriamo i rischi e i costi a cui l’intera comunità va incontro. In particolare diminuisce la forza lavoro, la popolazione si dimezza e il tasso di fecondità precipita verso i minimi storici. 

Un paese “gerontocratico”

In un quadro del genere il compito delle Istituzioni è quello di preservare il Paese mettendo in atto strategie di crescita con le quali evitare il rischio del dimezzamento della popolazione. Al tempo stesso gli adulti in età da lavoro si trovano oberati tra l’accudimento dei genitori anziani e quello dei figli in procinto di terminare gli studi. Si tratta di una condizione che crea un blocco alla crescita proprio perché il mercato del lavoro si contrae, la disoccupazione sale e gli anziani necessitano sempre più di cure e attenzioni. 

È in quest’ottica che chi ha uno spirito intraprendente e desidera avviare un’attività utile alla collettività potrebbe prendere in considerazione il franchising assistenza anziani. Questo tipo di servizio, recente e innovativo, permetterebbe da un lato di resistere all’incertezza economica nella quale siamo immersi e, dall’altro, di sopperire ad una grave mancanza nei confronti della popolazione anziana, bisognosa di cure e di integrazione

I bisogni degli anziani 

In pratica questo tipo di business si fonda sulla necessità di rispondere ad un urgente bisogno collettivo che riguarda la nostra popolazione. Gli anziani, difatti, godono il beneficio di poter vivere meglio e più a lungo grazie all’evoluzione della società ma, d’altro canto, vengono relegati ai margini della stessa e soffrono di patologie che richiedono tantissime attenzioni. Le malattie senili più gravi allontanano gli anziani dai loro affetti e li catapultano in una vita di solitudine e difficoltà. 

L’accudimento di un anziano, per un giovane o per un figlio, può diventare un impegno molto gravoso che talvolta sfocia in una profonda frustrazione. Al tempo stesso l’anziano percepisce il suo “essere ingombrante” e i rapporti si deteriorano a mano a mano che la senilità fa il suo corso. Si tratta di un aspetto molto delicato da trattare perché coinvolge i legami familiari, l’affetto, la psiche ed il benessere di giovani e anziani. Purtroppo in molti casi chi accudisce un anziano commette errori dettati dall’inesperienza e questi aggravano ulteriormente la situazione. 

Un business due volte utile

È per questo che iniziare a lavorare in questo settore potrebbe diventare un’occasione ed un’opportunità non solo per chi è fermo e non trova altri sbocchi lavorativi ma anche per offrire un servizio davvero utile alla collettività. In questo periodo stanno nascendo network efficienti ed organizzati, pensati proprio per ridurre le problematiche derivanti dall’indice di anzianità che, in Italia, è tra i più elevati di tutta l’Europa. 

Questo problema unito all’aspettativa di vita maggiore, rende necessario un progetto di assistenza sanitaria e sociale a 360 gradi, fatta di personale altamente qualificato, pronto ad accogliere le esigenze dei giovani e i bisogni dei nostri amati nonni. Si tratta di un’occasione ideale per chi è predisposto all’aiuto e all’ascolto, per chi ha in cuore uno spirito imprenditoriale da donare alla collettività. Sicuramente si tratta dell’opportunità giusta per chi sogna una società libera e aperta a tutti, dove nessuno deve restare indietro